FANDOM


Osi sfidare me, mortale?! Un Dio dell'Olimpo?!

–Poseidone

Poseidone è il fratello di Zeus e Ade, e quindi uno dei tre Dei più potenti di tutto l'Olimpo. Secondo solo al fratello Zeus, egli è il Dio dei Mari, delle tempeste, dei terremoti e dei cavalli; anche se i suoi poteri si estendono sopra tutte le masse d'acqua (come ad esempio i fiumi) e sul ghiaccio. Inoltre è anche il monarca (e protettore) di Atlantide.

Compare in tutti i capitoli della saga di God of War anche se ricopre il ruolo di antagonista vero e proprio solo nel terzo capitolo.

Serie di God of WarModifica

Nascita e La Grande GuerraModifica

Poseidone grande guerra

Poseidone si prepara ad attaccare Atlante, durante la Grande Guerra.

Nato dall'unione dei titani Crono e Rea, Poseidone fu uno dei sei figli che la coppia di antiche divinità ebbero. La madre, per tentare di tenere nascosta la nascita del figlio al padre, partorì il futuro Dio dei Mari nelle acque di un lago. Purtroppo, però, Crono scoprì comunque la nascita del nuovo figlio e così Poseidone seguì il triste destino di suo fratello (Ade) e delle sue sorelle (Era, Demetra ed Estia) venendo inghiottito vivo dal padre.
Dopo anni di prigionia; il futuro Dio dei Mari fu infine liberato dal fratello più giovane: Zeus (l'unico dei suoi fratelli a scampare all'orribile destino scelto dal loro genitore); combattendo poi al suo fianco durante i dieci anni della Titanomachia. Durante questa feroce guerra, aiutò suo fratello Ade ad abbattere il leader sul campo dei titani: Atlante.

Titani grande guerra

Poseidone affronta Iperione, mentre Ermes e Elio combattono contro Epimeteo.

Dopo la sconfitta di Atlante, Poseidone cominciò a combattere contro il titano Iperione, prima che suo fratello Zeus (con l'ausilio della Spada dell'Olimpo) non esiliò i titani negli abissi del Tartaro. Pochi furono i Titani a sfuggire a questo supplizio; uno di questi fu il titano Thera, che Poseidone in persona imprigionò all'interno del vulcano di Metana, nelle vicinanze dell'isola dove poi sarebbe fiorita la gloriosa civiltà di Atlantide.
Maxresdefault (3)

Zeus, Poseidone e Ade vittoriosi alla fine della Titanomachia

Alla fine della Grande Guerra, il mondo venne spartito fra i tre fratelli; Poseidone prese così il controllo dei mari e delle acque. Fu proprio il Dio delle Acque a creare i Cancelli di Tisifone: le colossali porte che sigillano il Tartaro. Dopo molti anni, assieme ai suoi fratelli, il Dio dei Mari ordinò a Pathos Verdes III di costruire un tempio per custodire l'arma più terribile di tutto l'Olimpo: il Vaso di Pandora.

Consolidato il proprio dominio su tutte le masse d'acqua del mondo, il Dio dei Mari decise di erigere un monumento alla propria gloria: fondando quindi la prosperosa città di Atlantide. A protezione della sua fiorente città stato, Poseidone mise il mostro marino Scilla e i figli avuti da Anfitrite: i Tritoni.

La Scommessa tra gli DeiModifica

Poseidone scommessa dei

Poseidone, sicuro della sua vittoria, promette agli altri Dei la costruzione del suo nuovo sontuoso tempio ad Atlantide.

No. NO! Quel...quel selvaggio mi costerà la scommessa!

MORIRA' PER QUESTO!

–Poseidone

Poseidone comics

Poseidone giura vendetta contro Kratos e il suo battaglione, dopo la sconfitta dei Therani, evocando un gruppo di Ippocampi.

Tempo prima gli eventi di God of War: Ascension, Poseidone prese parte ad una delle tante scommesse tra gli Dei (insieme a suo fratello Ade, Artemide, Elio, Ares e Ermes). In questa nuova sfida, ogni divinità avrebbe dovuto scegliere un mortale che sarebbe dovuto andare a caccia dell'Ambrosia di Asclepio, un frutto capace di far guarire da qualsiasi ferita o malattia, capace persino di sconfiggere la morte. Il primo dei campioni che fosse riuscito a conquistare la preziosa sostanza, avrebbe eletto vincitrice la propria divinità protettrice che come premio avrebbe visto venir eretto un nuovo tempio, in proprio onore (e Poseidone già pregustava la sontuosità del suo immenso e nuovo tempio, che avrebbe fatto costruire ad Atlantide). Per motivare la ricerca degli umani, gli Dei mandarono orribili flagelli sulle comunità dei loro prescelti; come fece il Dio dei Mari con il suo campione: Erodio di Thera. Infatti l'isola di Erodio era stata colpita da una violenta pestilenza, mandata appunto da Poseidone.
Poseidone scomessa

Poseidone crea un maelstrom con lo scopo di uccidere Kratos e i suoi compagni spartani, durante la scommessa tra gli Dei.

In un primo momento, Poseidone mantenne segreta l'identità del suo campione (onde evitare che le altre divinità potessero preparare in anticipo piani per eliminare in modo sleale il suo campione) la rivelò solo quando Erodio dovette affrontare il campione scelto da Ares: Kratos. Prossimo a salpare verso l'isola di Leucade (luogo dove si trovava l'Ambrosia), il campione del Dio dei Mari e la sua ciurma furono raggiunti da Kratos e da un gruppo di soldati Spartani (che erano appena sopravvissuti all'attacco di un'orda di satiri, inviati da Ermes e Poseidone stesso). La battaglia tra le due fazioni fu violenta, ma alla fine i guerrieri di Sparta riuscirono ad avere la meglio sui Therani prendendo il controllo della loro nave; lo stesso Erodio perì quando Kratos infilzò la sua testa con una spada.

Infuriato con il guerriero di Ares e con i suoi compagni per avergli impedito di vincere la scommessa, Poseidone mandò prima un branco di Ippocampi a distruggere la nave su cui si trovavano e in seguito aprì un vortice d'acqua che fece sprofondare gli Spartani verso le fauci di un enorme Serpente marino; che però venne sconfitto sempre da Kratos.

POSEIDIONGODOFWAR

Poseidone, poco prima che l'intero Olimpo cada vittima di Morfeo, dopo la scomparsa di Elio e del Sole dai cieli.

Durante le vicende di God of WarModifica

Poseidone fu uno tra i tanti Dei che rischiò di cadere nella perenne morsa di Morfeo, quando Elio, il Dio del Sole, fu trascinato negli Inferi per mano di Atlante e Persefone.

Kratos, prima che tu raggiunga Atene, c'è una missione che devi compiere.

–Poseidone

Poseidone god of war I

Poseidone dona a Kratos una frazione del suo potere: L'ira di Poseidone.

Anni dopo, il Dio dei Mari fu contattato da Atena, quando questa gli fece notare che una nuova Idra (una creatura di Ares) stava infestando la sua Tomba delle Navi. Deciso a porre rimedio a questo terribile affronto da parte del nipote, Poseidone contattò Kratos (che si trovava proprio nel cimitero di relitti, dopo il naufragio della sua imbarcazione). Il Dio offrì al Fantasma di Sparta una frazione della sua immensa forza: l'Ira di Poseidone, con la quale il Fantasma di Sparta fu in grado di sconfiggere l'orribile creatura marina. Quando poi Kratos aprì il Vaso di Pandora per riuscire a sconfiggere Ares, Poseidone venne infettato da uno dei tanti mali rilasciati dal contenitore: la Collera.

Dietro richiesta del fratello Zeus, il Dio dei Mari sguinzagliò contro Kratos, Scilla e un cospicuo gruppo di Tritoni suoi figli, così da impedire allo spartano di poter raggiungere sua madre Callisto ad Atlantide e apprendere così le sue vere origini.

Poseidon's Statue (GoS)

Poseidone giura vendetta a Kratos dopo la distruzione di Atlantide

Tu! Hai profanato il mio regno! Non lo dimenticherò mai, Fantasma di Sparta! RISPONDERAI DI QUEST'AFFRONTO!

–Poseidone

La rabbia di Poseidone crebbe sempre più nei confronti dello Spartano quando questi provocò la fuga del titano Thera dal Vulcano di Metana, causando così la distruzione della sua amata città sacra. Dopo aver tentato (senza successo) di uccidere il nuovo Dio della Guerra attraverso una furiosa tempesta formatasi intorno al vortice causato dall'inabissamento di Atlantide; il Dio (attraverso una sua statua) giurò vendetta allo spartano. In seguito, durante gli eventi di God of War II, Poseidone appoggiò suo fratello Zeus nella caccia al Fantasma di Sparta (che era in viaggio verso le Parche), mandando il Kraken ad ucciderlo.

Dopo la morte di sua nipote Atena, il Dio dei Mari fu una delle divinità che si riunirono con Zeus per decidere come eliminare una volta per tutte la minaccia rappresentata da Kratos. La riunione venne però interrotta dalle scosse di terremoto causate dall'inizio della scalata dei Titani al monte Olimpo, dopo che Kratos li aveva trasportati nel suo tempo, grazie al potere delle Parche.

La Seconda Grande Guerra e MorteModifica

Image69

Poseidone e gli altri Dei guardano i titani scalare l'Olimpo

Hai mancato di rispetto agli Dei per l'ultima volta, Kratos!

–Poseidone

God-of-war-3-poseidon-attack-epimetheus-o

Il Dio dei Mari si tuffa dall'Olimpo uccidendo Epimeteo

Poseidone, insieme ad Zeus, Ade, Elio ed Ermes prese parte alla Seconda Titanomachia che ne scaturì. Il Dio dei Mari non scese subito in battaglia ma poi, tuffandosi dall'Olimpo, riuscì ad uccidere il titano Epimeteo e a farlo precipitare nel mare sottostante. Ora, all'interno del suo regno,

Ippocampo Gaia

Poseidone manda un suo Ippocampo ad attaccare il Fantasma di Sparta e Gaia.

Poseidone fu in grado di evocare una moltitudine di Ippocampi e di sguinzagliarli contro i titani che stavano scalavano le pareti del montagna, riuscendo ad eliminare anche alcuni di loro (ad esempio Iperione). Rivolse poi la sua furia su Gaia e Kratos. Dapprima mandò le sue creature a bloccare la titanessa per poi cercare di farla precipitare, anche se Kratos riuscì comunque a liberarla. In seguito, dopo che un Ippocampo ferì Gaia attraversandole il petto, il Dio colpì di persona il duo presentandosi in tutta la sua potenza: all'interno di un titanico costrutto di acqua e roccia (probabilmente quest'ultima era il risultato dello smembramento di Epimeteo).

Poseidoen kratos

Kratos e Gaia contro il Dio dei Mari.

Non rimarrà niente di te, tra le mie onde!

–Poseidone

Dopo aver bloccato Gaia, con l'ausilio dei suoi Ippocampi, Poseidone ingaggiò una furiosa battaglia con Kratos (che si trovava sulla testa della Madre Terra); colpendolo con scariche di fulmini (guidati dal suo tridente) e facendolo attaccare da altre delle sue creature di acqua e roccia. Lo spartano però riuscì a liberare Gaia dalla morsa delle creature

Poseidone gaia kratos monte olimpo mano

Poseidone combatte contro Kratos, dopo che Gaia lo ha bloccato contro una parete rocciosa del Monte Olimpo

marine e con il suo aiuto, riuscì a bloccare Poseidone contro una parete rocciosa dell'Olimpo; qui il Fantasma di Sparta riuscì ad attaccare la parte superiore del costrutto, indebolendo il Dio dei Mari. Rimasto stordito dalla serie di attacchi, Poseidone fu inerme e Kratos colse l'occasione e cominciò ad attaccare i vari scogli che servivano per proteggere la vera forma del Dio all'interno del suo costrutto.

Poseidone kratos scogli petto

Kratos s'accinge a distruggere gli scogli che formano la gabbia protettiva di Poseidone, sul petto del suo costrutto.

Distrutta la protezione, Poseidone si riprese e ricominciò ad attaccare

Gaia con i suoi Ippocampi. Liberata nuovamente dalla presa delle creature marine, Gaia sferrò un potente pugno contro il Dio, ma anche questa volta gli Ippocampi intervennero per fermare l'attacco diretto al loro padrone. Staccati i cavalli marini dall'arto del titano, Kratos usò lo slancio del pugno per passare attraverso il costrutto e tirare fuori Poseidone dal Mare. L'uscita improvvisa di Poseidone dalle acque causò la distruzione sia della sua forma elementare, sia dei numerosi Ipoocampi evocati dal Dio delle Onde, che cominciarono a disfarsi rilasciando acqua e roccie.

Poseidone costrutto kratos pugno gaia

Kratos strappa via il Dio delle Acque dal suo costrutto, utilizzando lo slancio ricevuto dal pugno di Gaia.

Zeus avrebbe dovuto lasciarti al tuo posto. Non importa quanti Dei cadranno, ce ne sarà sempre un altro pronto a sfidarti!

–Poseidone

Morte di Poseidone

Poseidone ormai sconfitto

Atterrati vicino alla tomba di Ares, Poseidone avvertì lo spartano che la sua folle sete di vendetta non avrebbe fatto altro che portare ancora più morte e distruzione nel mondo, e che comunque, gli Olimpici non si sarebbero mai arresi davanti a lui. Kratos cominciò allora a picchiare selvaggiamente lo zio (ormai indebolito e privo di forze) e alla fine, dopo avergli bucato gli occhi con i pollici, gli spezzò il collo, uccidendolo. Ormai privo di vita il corpo esanime del Dio dei Mari cadde dal Monte Olimpo, cominciando a generare acqua. Una volta finito nelle acque del mare, gli effetti della morte di Poseidone divennero evidenti: dal luogo in cui il corpo della divinità atterrò si levò un'imponente onda che sommerse e inondò il mondo intero, lasciando emerse solo le vette delle montagne più alte.

God-of-war-o

La cruenta morte del Dio dei Mari

Greece flooded

Il mondo viene sommerso dall'inondazione provocata dalla morte di Poseidone

Poteri e Abilità Modifica

La furia del Mare è stata scatenata!

–Poseidone

Come tutti gli Dei, Poseidone era immortale e possedeva una forza fisica sovrumana. Inoltre deteneva anche molti altri immensi e peculiari poteri:

  • Controllo su tutti gli agenti atmosferici.
  • Idrocinesi, controllo assoluto e completo su tutta l'acqua del mondo e sul ghiaccio, compresa la capacità di manipolarli a suo piacimento.
  • Geocinesi, quindi la capacità di creare e controllare i terremoti.
  • Capacità di respirare sott'acqua.
  • Elettrocinesi, libera o anche vincolata all'elemento dell'acqua.
  • Biocinesi, quindi la capacità di manipolare e creare delle malattie o pestilenze.
    God of war iii poseidon 02 by andyparkart

    Poseidone nella sua forma elementare: all'interno di un costrutto di acqua e roccia

  • Capacità di volare (molto probabilmente attraverso una sorta di idro-propulsione, come si evince dalla scena in cui uccide Epimeteo).
  • Può alterare la sua forma, diventato di proporzioni titaniche oppure circondandosi da un costrutto fatto di acqua e roccia.
  • Capacità di rigenerare le proprie ferite, molto probabilmente questo processo ha un effetto molto maggiore quando il Dio si trova nel mare.
  • Esperto combattente.
  • Onniveggenza.
  • Resistenza sovrumana, come si vede dal fatto che non risente di alcuna ferita dopo aver ucciso Epimeteo, anche senza bisogno del suo costrutto.
  • Agilità sovrumana.
  • Riflessi sovrumani.
  • Invicibilità, quando si trova all'interno del mare o delle acque.
  • Controllo su tutte le creature marine, come ad esempio il Kraken.
  • Capacità di creare e controllare gli Ippocampi.

Galleria  Modifica

  • Concept art di Poseidone, in God of War II
  • Poseidone ed Ade sconfiggono Atlante, durante la Grande Guerra
  • Concept art di Poseidone, in God of War III
  • Il costrutto di Poseidone e gli Ippocampi cominciano a distruggersi

CuriositàModifica

  • Il cambio di aspetto di Poseidone dal primo God of War al secondo è dovuto al fatto che non si sapeva se il gioco avrebbe avuto un buon riscontro sul mercato e quindi un possibile seguito.
  • La creazione di questo personaggio, in God of War III, è stata la più lunga e impegnativa. Infatti ha richiesto 6 interi mesi sui 12 totali necessari per realizzare l'intero gioco.
  • Poseidone è il primo Dio che s'incontra in God of War e anche il primo che si affronta in God of War III.
  • Oceanus(3)

    Concept art originale del titano Oceano.

    Poseidone sembra essere l'unico Dio che è riuscito a non essere contaminato del tutto dai mali del Vaso di Pandora. Infatti, in una lettera di scuse verso la sua Principessa, ammette di essersi accorto che Zeus e i suoi fratelli non sono più quelli che conosceva un tempo.
  • L'aspetto acquatico di Poseidone ha come base il concept art originale del titano Oceano.
  • Esiste la possibilità che il Dio dei Mari sia ancora vivo, infatti come si evince più volte nel gioco, anche gli Dei possiedono un'anima (come si vede con Ares, Ade e Atena) che sopravvive alla morte corporea e quindi l'anima di Poseidone potrebbe trovarsi ancora nel mondo.
  • I tatuaggi sul corpo del Dio, oltre a rappresentare il suo legame con le acque, sembrano anche essere delle espressioni del suo stato di salute (infatti dopo lo scontro con Kratos, in cui è visibilmente indebolito, si può notare che il bagliore dei tatuaggi si è affievolito e va ad intermittenza).
    Gow3big 1701

    La Camera della Fiamma, in alto a sinistra si può notare l'affresco raffigurante Poseidone.

  • Nella Camera della Fiamma, in God of War III, si può notare un'affresco raffigurante il Dio dei Mari alle cui spalle si intravedono dei tentacoli, possibile rimando ad alcune delle sue creature marine: il Kraken e Scilla.
  • La morte di Poseidone è la causa principale della violenta scomparsa della razza umana dalla Terra. Infatti, con la morte del Dio e la seguente inondazione, il mondo (e le persone che lo popolavano) perirono sotto le onde del mare; risparmiando soltanto i cittadini di Olimpia e della Cittadella Olimpica.
  • Lo scontro con Poseidone è stato votato come il terzo momento più epico in tutta la saga di God of War.
  • Resurrezione poseidone cecil kim

    "La resurezzione di Poseidone",concept art iniziale di quello che sarebbe diventato poi God of War: Ascension.

    Nelle prime fasi di sviluppo, God of War: Ascension era previsto come il continuo di God of War III. In questa versione del gioco, molto probabilmente Kratos avrebbe dovuto resuscitare gli Dei da lui stesso uccisi (incluso il Dio dei Mari) e salvare il mondo dalle grinfie di un redivivo Ares. Tutto questo si può presumere da uno dei primi concept art per il gioco (creato da Cecil Kim), il cui titolo è "La resurrezione di Poseidone".
  • La boss fight contro il Dio dei Mari è stata votata come la terza boss fight più bella di tutta la saga di God of War.

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.