FANDOM


Altre morti? Pothia, ti avevo avvertita dei pericoli...

–Leda

Leda è un'anziana amazzone, facente parte della società dell'isola di Keros. Accompagna la leader del loro popolo, Pothia, nel suo viaggio verso l'isola di Leucade e la miracolosa Ambrosia di Asclepio.

Appare solo nella serie a fumetti di God of War.

Serie di God of War Modifica

Passato Modifica

Non si sa molto del passato di questa anziana amazzone, ma solo che faceva parte della società di donne guerriere dell'isola di Keros (sacra alla Dea Artemide) e che molto probabilmente rivestiva un ruolo importante (forse una consigliera) per la leader dell'isola, Pothia.

La Scommessa tra gli Dei Modifica

Tempo prima degli avvenimenti di God of War: Ascension, sull'Olimpo iniziò una nuova sfida tra alcune divinità. Per vincere la scommessa PoseidoneAdeElioErmesAres e Artemide avrebbero dovuto scegliere un mortale e spingerlo alla ricerca della miracolosa Ambrosia del Dio della medicina. Il primo dei campioni che fosse riuscito a conquistare la preziosa sostanza, avrebbe eletto vincitrice la propria divinità protettrice che come premio avrebbe visto venir eretto un nuovo tempio, in proprio onore.

La mortale che la Dea della caccia scelse per quest'impresa fu la leader amazzone di Keros, Pothia; e per invogliarla nella ricerca del prezioso frutto di Asclepio, fece si che le donne della sua comunità cominciassero ad abortire o a dare alle alla luce figlie nate morte. Per riuscire a rimediare a questa calamità, che minacciava di distruggere per sempre la loro razza, Pothia, Leda e un nutrito gruppo di guerriere di Keros si misero in marcia verso l'isola di Leucade, ove si trovava il Tempio del Dio della Medicina (e dove era contenuta la miracolosa Ambrosia).

Guerriera pothia leda keros kratos

Un'amazzone di Keros informa Pothia e Leda dell'arrivo di Kratos e dei suoi compagni spartani.

Nemmeno le nostre guaritrici capiscono perchè tutte le donne di Keros ora partoriscano figlie nate morte.

Temono che potremmo non essere più in grado di concepire. E senza figlie che prendano il nostro posto, la nostra razza cesserà di esistere.

–Pothia

Arrivate sull'isola di Leucade, il gruppo di amazzoni s'accampò momentaneamente nelle grotte vicino alle coste dell'isola; non lontano dalla loro posizione arrivarono ben presto anche un gruppo di spartani, guidati da Kratos (il Campione scelto da Ares, il Dio della Guerra). I soldati di Sparta, che si stavano riposando vicino ad uno specchio d'acqua (dopo essere scampati ad un tentativo d'assassinio da parte di Poseidone), vennero avvistati da una delle guerriere di Keros, che andò ad informare immediatamente Pothia.

Leda, o uccidiamo una dozzina di uomini o moriremo noi. E' una scelta dovuta alla necessità.

E anche se posso piangere per il nemico che uccido, è una decisione che non rinnego nemmeno per un momento.

–Pothia

Leda pothia discussione

Leda e Pothia discutono su che azione intraprendere contro i guerrieri di Sparta e il Campione di Ares, Kratos.

Avuta la conferma della presenza del campione del Dio della Guerra, Pothia decise di attaccare subito il gruppo di soldati spartani, senza permettergli così di riprendersi dallo scontro con il Dio dei Mari. All'udire della decisione presa dalla propria leader, Leda l'ammonì nel dover recidere delle vite di persone che si trovavano nella loro stessa situazione; la Campionessa della Dea della caccia però si rivelò impassibile sulla decisione presa, rispondendole che se anche avesse dovuto piangere per il nemico abbattuto, la salvezza e il futuro della sua gente erano la sua prima e unica preoccupazione. Fu così che le amazzoni di Keros (armate di lance, spade, pugnali, archi e frecce) attaccarono a sorpresa i soldati di Sparta, mentre questi ancora si riposavano; ed alcune colpirono uscendo proprio dallo specchio d'acqua.

Lo scontro tra i due schieramenti fu cruento e duro, ma con il proseguire della battaglia divenne sempre più chiaro che ormai il destino delle amazzoni fosse segnato. Infatti, con la morte della loro leader (uccisa da Kratos), le rimanenti donne guerriere di Keros (Leda compresa) vennero brutalmente assassinate dal piccolo plotone di soldati spartani.

Curiosità Modifica

  • Leda condivide il proprio nome con quello di un'altra figura mitologica: Leda, moglie di Tindaro (re di Sparta) e madre di Castore e Polluce.